POSADA-IMMAGINI MAI VISTE

Dopo 5 anni di tentativi …

il ripetitore RAI ha una nuova ubicazione.

foto originale non modificata

AVREMMO voluto dare un diverso benvenuto alla nuova amministrazione comunale che nei primi giorni di settembre ha dato il via al primo consiglio comunale del nuovo mandato. Ma vista la poca credibilità dimostrata, per non usare un altro termine, delle parole pronunciate durante l’ultima campagna elettorale,(facendo credere alla cittadinanza posadina  che il P.U.C. era stato approvato, e non solo) abbiamo deciso che: FIDARSI È BENE MA NON FIDARSI È MEGLIO. Ci pare giusto ricordare a tutti i Posadini che,  una campagna elettorale  basata prevalentemente sull’ affermazione che il PUC tanto atteso era stato approvato ma senza dimostrarne la documentazione,  corrisponde all’inganno. Avete capito bene … È UN INGANNO BELLO E BUONO ai soli fini di OTTENERE CONSENSO. Anche se il P.U.C. dovesse essere approvato in un prossimo futuro, l’inganno politico pre-elettorale rimane, perchè sia prima  che durante le elezioni , quanto sventolato ai 4 (salti in padella) venti, non corrisponde alla verità. Tuttora non c’è uno stralcio di documento, a meno che… Ma porca la pupazza: dichiarare agli elettori di essere a conoscenza del risultato di una sentenza e/o giudizio prima che venga emesso dall’autorità competente, è normale secondo Voi? È legale? Lascio ai Posadini le dovute riflessioni e non solo…… CI SIAMO CASCATI COME POLLI !!!

I POSADINI, o almeno una parte di essi, sono completamente incontinenti: NON CE LA FANNO PIÙ A TRATTENERE IL DESIDERIO DI VEDER PARTORIRE LA TANTA ACCLAMATA APPROVAZIONE DEL P.U.C. Sono già trascorsi 5 mesi dalla messa in circolazione della “buonabugia”. Vorrà dire che dopo un’attesa di 30 anni circa,attenderanno ancora con pazienza e rassegnazione il resto dell’iter burocratico, che prevede che il P.U.C. venga rispedito al comune di Posada con alcune direttive della regione, che il comune apporti le modifiche  sulle questioni contestate a suo tempo dai cittadini, poi verrà rispedito di nuovo a Cagliari dove verrà riesaminato……etc..etc. Ottimisticamente parlando, se tutto va bene, forse per capodanno 2010/2011 potremmo brindare al documento definitivo, che poi sarà inutilizzabile perchè il tempo sarà scaduto: arriva il 2012… Scherzi a parte, ben venga questo benedetto P.U.C., sia come sia, ma almeno ci saremo tolti di mezzo questa interminabile telenovela trenntennale,  che ha tenuto fermo lo sviluppo del paese. Comunque vadano a finire le cose , facciamoci un bel nodo: aiuterà temporaneamente l’ incontinenza….

E adesso passiamo alle immagini mai viste, che rispecchiano l’intelligenza e professionalità degli addetti all’urbanistica e non solo, delle varie amministrazioni che si sono succedute. E mentre osservate , tenete a mente che tutto ciò, viene realizzato con soldi PUBBLICI….

(Resoluzione immagini:2560×1920- Se gradito cliccare x ingrandire i dettagli.)

L’unico campetto polisportivo disponibile, versione CABRIOLET- Da tre anni circa, solo per uso estivo.

Portale quantico, con finestra sulla futura  porta del paese. Meno male che non si capisce che si tratta del muro della scuola media, dove dovrebbe nascere la palestra…

Lato est del medesimo muro, che da 20 anni siamo costretti ad ammirare ogni giorno scolastico

Sa Pala Ruja: veduta aerea del campetto ricreativo multi-uso ad alto e (d)-efficiente parametro di sicurezza .

Perimetro esterno di sicurezza con travi di ferro anti intrusione, x mezzi pesanti e non…

Perimetro interno di sicurezza con travi di ferro anti-fuga giocatori.

Ma è così difficile per un sindaco o assessore che sia,presente o passato, far segare i paletti?? MA SAPETE QUANTI BAMBINI, OGGI ADULTI, HANNO GIOCATO QUI ?? CAZZU !?! Sono passati 20 anni e ancora…nudda.

Recinzione (??) lato nord-owest, con apposita via di fuga in primo piano.Gentile primo cittadino Roberto Tola, da adesso in poi si immagini paraplegico ed in sedia a rotelle, e percorra con noi un giro virtuale  attraverso la viabilità dell Suo paese: noi ci abbiamo provato fisicamente con la carozzina per disabili presa in prestito… Inutile spiegarLe il risultato.

Creativi disegni geometrici in corrispondenza di scivoli virtuali per carrozzine-disabili.

Strisce pedonali…

Vista frontale di fine strisce pedonali .(via nazionale)

Allucinazione collettiva dello scivolo per disabili, con variante laterale dell’ accesso (via nazionale)

Una volta attraversata la strada, ammesso che riesci a salire sul marcia-piede, vietato andare a sinistra:la carrozzina non ci passa grazie all’albero. (via nazionale)

Chettelodicoaffà? Tantu est sa mantessi musica. (via nazionale)

Qui la cosa si fa interessante: una volta attraversata la strada, priva di strisce pedonali, diventa impossibile svoltare a destra dove ci sono le strisce.1- è spazio parcheggio . 2 scivolo inesistente. (via veneto)

Quiz del nuovo millennio….Io lezapp,ho riempito svariati passaporti nel mio umile percorso di vita, ma di fronte a questa foto, ho la certezza che se ciò che la gente fuma è di provenienza del monopolio di stato, allora fa veramente MALE. Notare il comodo gradino dello scivolo… (via veneto)

Lato sud della stessa foto.Notare dove la linea bianca dello STOP è dipinta:dopo l’attraversamento pedonale.e scivolo. Veramente brillante….complimenti. (via veneto)

Nessun commento necessario.L’immagine parla da sola… (via veneto)

In questa foto come nella successiva, la demenza e il menefreghismo dell’amministrazione rasenta l’inverosimilile. Prima t’investo e poi mi fermo allo stop… (via veneto)

( via veneto )

…WHAT THE FUK ??? (via veneto)

Ammesso che tu riesca a scendere e risalire, non andrai da nessuna parte:ingrandisci l’immagine e segui la larghezza del marcia-piede, scendendo a sinistra dopo il muretto. (via nazionale)

Andando in comune per un documento…

Strisce pedonali..2 (via nazionale)

Verticalizzazione orizzontale di passaggio…no. Orizzontalizzazione verticale pedonale per biciclette al passo….no.Impressionismo surreale nuragico di…no. Righe verticali giganti di coca, per attraversamento pedonale velooocceeee…no.Riduttori di velocità verticali vicini-vicini alle strisce pedonali, per prendere meglio la mira del pedone…no.Cazzu !! questa è proprio difficile……Via di fuga pedonale a sinistra, in caso di panico da traffico sostenuto…no, neanche cosi. Si prega comunicare la soluzione  dell’enigma a: lezappo@gmail.com   (via Gramsci )

Chiesetta di Santa Lucia, solitamennte dedita per i funerali del paese.Che dire? A sinistra si, a destra no, da davanti l’erbetta natùre, le strisce pedonali ci sono ma siete Voi che non le vedete…..bla bla, bla bla… ( Strada circonvallazione camposanto )

Ed eccoci giunti al gioiellino del paese, in termini di opera pubblica. Notate  con che cura  sono stati eseguiti i lavori: I dettagli sono veramente di gusto e di precisione. Very compliments…. Peccato che la struttura serva solo per i defunti, e non per la quotidianità dei  vivi.

Qui invece spenderei qualche proteina per approfondirne il concetto. Ubicazione incrocio, di fronte  off. Tuvoni.(futura nuova porta di Posada) Strisce pedonali inesistenti-Attraversamento in piena curva-Comodo scivolo d’accesso al manto stradale-Se non hai la carrozzina 4×4 , attraversa altrove-Non distrarti  leggendo la pubblicità mentre attraversi: rischi di farti male-Una volta sul marciapiede, ci rimani: tanto fa bel tempo, non hai 1 cazzo da fare e sopratutto le prossime strisce sono senza scivolo ed in corrispondenza di zona sosta x auto…quindi non puoi scendere.          Nonfaunapiega….di Voi ci fidiamo a manetta !!!

La traversa- Ufficio Turistico stile “San Quintino detention center”, con ancoraggio stabilizzatore ad L capovolta rivolto a nord e munito di protezione anti urto.Riduttori di velocità in prossimità di strisce pedonali (2 mt.circa invece che 50/100 mt. prima dell’entrata in paese) che  terminano nell’ennesima allucinazione  di scivolo x disabili, con l’optional di panchina/fioriere per facilitare il transito della carrozzina.. e dulcis in fundo, se all’ufficio turistico non possono aiutarti ,(ammesso che tu ce l’abbia fatta ,e lasciamo stare i dettagli del perchè), puoi sempre rivolgerti a padre Pio per sapere dove puoi imboccare la pista ciclabile,  perchè vorresti  andare al mare….. ( Vi rimandiamo alle prossime puntate x le ciclabili, segnaletica verticale, e parcheggi a pagamento con vista mare etc.)

Gentile sindaco Roberto Tola & co.: si ricordi che avete promesso 5 nuovi alberghi in loc. Montelongu… Il parco fluviale… ed un sacco di altre allucinazioni collettive, che non migliorano il nostro vivere quotidiano.I POSADINI VIVONO ADESSO,   OGGI; ma la reltà è che nei 5 anni trarcorsi non siete stati capaci neanche di sistemare gli accessi  pedonali x disabili. PRIMA L’INDISPENSABIKE, POI IL NECESSARIO, SEGUE IL POSSIBILE ED IN FINE L’IMPOSSIBILE. Ci verrebbe quasi voglia di costituire un piccolo comitato di cittadini diversamente religiosi per beneficiare del diritto di mettere una statua di Budda  dall’altra parte di “San Quintino infoes “. Almeno avremmo una parvenza di par condicio spirituale in una repubblica di finti laici….

P.S. Le comunico che ci siamo fatti un altro nodo al prepuzio, in materia di Abba Noa:fuori dai coglioni ed a calci in culo.

Acqua potabile che scorreva dai rubinetti di Posada, in piena stagione estiva alle 08.30 del 5 agosto 2010. La colazione è servita …

N.B. marcia-piede e fuk voluti di proposito

 

MACOMECAZZOVELODEVODIRE ???

CHIUDETE ILCONTO IN BANCA..SVEGLIAMOCI !!!COSA CI HA MAI FATTO CREDERE CHE DELLA CARTA SIA COSI PREZIOSA?? 

KEEPONTRUCKINGENTE

Annunci

6 commenti su “POSADA-IMMAGINI MAI VISTE

  1. Buongiorno lezapp,ho letto con molta attenzione il suo articolo e sono rimasto colpito,non solo da quello che ha scritto di importanza rilevante(ma hai nostri politacanti interesserà???)ma dalle sue accurate ed attente foto fatte in giro per il paese curando con molta precisione ogni minimo dettaglio e stando cosi attento ai problemi di una piccola comunità come Posada,presumo che il tutto le abbia portato via molto tempo…..è fantastico vedere come un cittadino qualunque si operi per il bene della comunità,vedendo le foto del campetto cabriolet mi viene da ridere,io che ha 41 anni lo sempre visto coperto,e le dico che ci abbiamo anche giocato ma si parla di molti molti anni fà,perche non rimetterlo a posto e dare la possibilitò a dei ragazzi di potersi divertire al coperto anche quando fuori cè un clima rigido(NON SI PUO’ BISOGNA ASPETTARE ALMENO ALTRE 3 O 4 ELEZIONI,COSI CHI SCRIVERA DOPO DI ME E SARA’ INVECCHIATO, DIRA’ :IO NON HO POTUTO GIOCARCI MA AVREI VOLUTO…..MEDITATE POLITICI…MEDITATE….E’ ASSURDO),come è assurdo rimanendo in tema di sport il campetto di SA PALA RUIA,mi puo’ spiegare qualcuno se i paletti che vi sono da circa 15 anni,servono per fare slalom gigante…..TOGLIETELI AL PIU’ PRESTO EVITIAMO DANNI !!!!!!..Vede LE ZAPP,purtroppo scrivo come penso e magari il mio commento sarà un po’ strano ma lei con questo articolo si è allaciato ad un altro commento che a me sta veramente a cuore,e questo probelma lo hanno molti paesi:aiutare i disabili a vivere o meglio provare a vivere ed essere autosufficiente all’interno di una societa,poterli veder scender e salire dai marciapiedi senza l’aiuto di qualcuno,farli girare all’interno di un paese sarebbe bello per tutti(VERO POLITICANTI)….AIUTIAMOCI E VEDRETE CHE SARA’ TUTTO MIGLIORE E VERAMENTE PIU ELEGANTE,SENZA SLALOM TRA ALBERI O BARRIRE DI CHISSA CHE COSA,SISTEMIAMO UNAA VOLTA PER TUTTE IL PAESE E SAREMO PIU ORGOGLIOSI E FELICI DI AVERVI(FORSE DATO IL VOTO)DISTINTI SALUTI…GEPPETTO

  2. Il post e’ molto interessante e fa piacere che ci sia qualcuno che si prenda a cuore il problema tanto da documentarlo con tale dovizia di particolari. I marciapiedi a Posada sono vergognosi e, avendo vissuto in Via Nazionale, ho avuto spesso problemi a percorrerli per via di piante, fratture nel cemento, di pali, scalini e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Certamente bisogna trovare un rimedio ma allo stesso tempo bisogna considerare quelli che sono gli spazi urbanistici a disposizione. Ad esempio: in via nazionale non si puo’ camminare sul marciapiede in due perche’ fisicamente non c’e’ spazio, posso solo immaginare dunque le difficolta’ che potrebbe avere un disabile in carrozzina. Possibili soluzioni? Togliere le piante in via nazionale oppure allargare il marciapiede. Ripercussioni? Se si tolgono le piante ci saranno accuse che il paese va contro il verde e perde bellezza; se si allarga il marciapiede la strada diventa piu’ stretta perdendo lo spazio per i parcheggi laterali e riducendo la visibilita’ nelle curve. Questo esempio non e’ per dire che non bisogna fare niente, semplicemente per ricordare come anche prendere decisioni che sembrano doverose ed immediate possa essere piu’ complicato di quanto non si pensi.
    Non mi trovo d’accordo con il pensiero che “I POSADINI VIVONO ADESSO, OGGI”, mi sembra un ragionamento egoistico e limitato. Le decisioni si devono prendere sempre con una prospettiva di miglioramento che possa giovare nel tempo. Probabilmente l’idea di costruire delle strutture ricettive e’ mirata proprio ad una rivalutazione di zone oggi considerate poco interessanti in un tentativo di fare cassa dal punto di vista turistico per poi reinvestire in un secondo momento gli introiti ottenuti da un ipotetico aumento turistico in una serie di lavori di mantenimento del paese. O magari mi sbaglio e ci sono gia’ fondi messi da parte per il ringiovanimento delle strade cosi’ come e’ successo per il ciotolato del centro storico e come sembra stia avvenendo proprio nella strada dove c’e’ la chiesetta ritratta nella foto del post.
    Certamente quella delle infrastrutture e’ una questione importante e la sicurezza per i pedoni non puo’ essere sottovalutata ma stiamo parlando di ristrutturare un intero paese e penso tutti noi capiamo quanto questo richieda dal punto di vista economico e burocratico. Insomma, non e’ qualcosa che si puo’ fare in un paio di anni. Si tratta di un lavoro costante, magari lento, ma che deve per forza avvenire parallelamente ad un’altra serie di lavori ed attivita’ che sono altrettanto indispensabili per il miglioramento della vita quotidiana del paese. Insomma, il comune non puo’ bloccare tutto e tutti, tagliare tutti i fondi e mettere in stallo tutti i progetti per lavorare unicamente sui marciapiedi. E’ giusto porre il problema ed indicare i propri malumori e le possibili soluzioni ma non e’ giusto gridare al complotto politico o accusare il comune di fregarsene dei marciapiedi dato che le persone che lavorano in comune sono le stesse che calcano i marciapiedi di Posada.

  3. Pingback: BARRIERE ARCHITETTONICHE: problema risolto. | LEZAPP – Video e Documenti dal Mondo

  4. qualcuno per favore mi spieghi chi autorizza gli esercizi commerciali ad esporre mercanzia nei sopracitati marciapiedi e costringe pedoni e mammozze con prole in passeggino a fare lo slalom tra mezzi in transito, alberi e pali ?

  5. Pingback: 2031-FUGA DA POSADA | Chimidice -Video e documenti dal mondo...

Lascia un Commento-

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...